Me contro Te, street art e avventure testuali sul podio del 2020

Buon anno a tutti! Il 2020, come sappiamo, è stato pessimo. Ci vorrà poco perché il 2021 sia migliore, magari con qualche nuovo libro da leggere o avventura da giocare. Intanto le statistiche di Google Analytics mi hanno dato modo di vedere come siano andati gli ultimi 366 giorni da queste parti.

Me contro Te

Il sito www.marcovallarino.it, che nel 2005 ha raccolto l’eredità di www.fantascienza.net/vallarino, ha accumulato nel 2020 oltre 30.000 visualizzazioni di pagina. La media è di oltre 80 al giorno. Un buon risultato se si considera che si tratta di un sito personale, sia pure con oltre trecento pagine che offrono risorse letterarie gratuite a 360 gradi. Inoltre in un’epoca in cui la gente naviga soprattutto su social e app, è sempre più difficile per un blog conquistare e mantenere pubblico.

Continua a leggere

Nonpossoparlare, il chatbot contro la violenza domestica

Una panchina rossa al parco urbano di Imperia

Il 25 novembre è la Giornata contro la violenza sulle donne. Colgo quindi l’occasione per segnalarvi un importante progetto informatico a sfondo sociale di cui mi sono occupato qualche mese fa per Il Secolo XIX. Sviluppato dalla software house genovese SPX Lab di Rosella Scalone e presentato su questo sito, Nonpossoparlare è il primo programma per computer che permette di chiedere aiuto, in modo istantaneo e anonimo, alle donne vittime di violenza domestica. Nello specifico si tratta di un chatbot, cioè un risponditore automatico, che gestisce le richieste di aiuto senza bisogno dell’intervento di una operatrice umana. Il servizio, gratuito, è quindi attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Funziona come una chat e fornisce informazioni dettagliate su dove recarsi per avere assistenza, nel caso in cui la vittima non possa più stare in casa con il proprio compagno.

Continua a leggere

WordPress, come risolvere il problema dei tag H1 multipli

Chi mi conosce sa che, oltre che scrivere, mi piace molto anche programmare. Del resto, molti dei miei progetti di gamification e storytelling sono esempi di programmazione a oggetti. Più in generale, per guadagnare visibilità nel World Wide Web – e quindi lettori, utenti – non basta proporre contenuti interessanti. Bisogna anche tenere in ordine il codice del proprio sito, soprattutto quando ci si avvale di una piattaforma software complessa come WordPress.

Continua a leggere

Tim Berners-Lee in edicola su Hacker Journal di settembre

Come tutti sapete, lo scorso mese di luglio sono stato ospite dell’edizione italiana di Campus Party. Il più importante festival al mondo su innovazione e creatività ha proposto un mio barcamp su street art e graffiti writing. L’evento era naturalmente legato alla presentazione del mio libro Il cuore sul muro e al passaggio della comunicazione dai muri a Internet.

Nell’occasione ho avuto la possibilità di assistere alla conferenza, programmata un’ora dopo la mia, del keynote speaker della manifestazione: Tim Berners-Lee. L’informatico britannico che nel 1989 ha ideato il World Wide Web è intervenuto a Campus Party per presentare il suo nuovo progetto Solid. Social Linked Data è un nuovo modo di condividere dati, a prova di privacy, attraverso la decentralizzazione della rete.

Continua a leggere