L’avventura testuale Alias The Magpie ha vinto l’IF Comp 2018

L’inglese J. J. Guest ha vinto l’IF Comp 2018 con Alias “The Magpie”. La notizia è stata data poco più di un’ora fa nella cerimonia ufficiale di premiazione della manifestazione. Dal 1995 l’Interactive Fiction Competition è il “campionato mondiale” che mette in gara le opere di narrativa interattiva, scritte in lingua inglese, degli autori di tutto il globo. Quest’anno i giochi in gara erano circa ottanta. Molti a scelta multipla, scritti con tool di sviluppo orientati al semplice punta e circa. Uno stile che permette di semplificare l’azione e che negli ultimi anni pare aver avvicinato molti nuovi utenti al mondo dei videogiochi testuali.

Continua a leggere

Se proprio volete sapere com’è andata l’IF Comp 2016…

Non potevo chiudere l’anno senza scrivere un post sul risultato della IF Comp 2016, di cui comunque potete leggere diffusamente sul sito ufficiale. Ebbene, ha vinto Detectiveland di Robin Johnson, brillante avventura di genere hardboiled, che con una particolare interfaccia a metà tra parser e punta e clicca, chiamata Versificator e già sperimentata con successo in Draculaland (di cui vi parlerò presto), ha messo d’accordo i fan rispettivamente di linea di comando e scelta multipla guadagnandosi una bella vittoria.

Continua a leggere

Darkiss 2 e Zigamus alla IF Comp 2016

È iniziata pochi minuti fa l’IF Comp, ovvero l’Interactive Fiction Competition, il torneo di videogiochi testuali che per molti è una sorta di campionato del mondo della narrativa interattiva. Graham Nelson, Emily Short, Lucian P. Smith, Paul O’Brian, Jon Ingold, Lynnea Glasser, Jason Devlin e Marco Innocenti, unico italiano a riuscire nell’impresa, sono alcuni degli autori che hanno vinto la gara a colpi di parser e – da qualche anno – di link, combattuta nel nome dell’avventura testuale.

Continua a leggere

Tutto il meglio e tutto il peggio di Darkiss 1 all’IF Comp 2015

Oltre ai 65 voti che, con la media del 6,34, hanno fruttato il dodicesimo posto finale, per l’edizione inglese di Darkiss 1 all’IF Comp 2015 ci sono stati anche tanti commenti e recensioni da parte dei giudici della gara, quasi tutti positivi.

Il primo a recensire, molto bene, Darkiss 1, è stato l’australiano Wade Clarke, game designer e compositore di fama mondiale (e vincitore dell’Ectocomp 2012), che il 3 ottobre sul suo blog Wade’s Important Astrolab ha promosso a pieni voti il gioco, apprezzando in particolare la presenza di un vampiro finalmente malvagio come quelli dei vecchi tempi, l’alternanza di puzzle sovrannaturali ad altri più… materiali, la ricchezza di particolari truculenti nel testo… e l’help on line molto ben strutturato.

Continua a leggere

Darkiss 1 in gara alla IF Comp 2015 in una nuova versione in inglese

È iniziata oggi l’Interactive Fiction Competition 2015, la ventennale manifestazione che ogni autunno mette in gara le avventure testuali proposte dagli autori di tutto il mondo. Tra i  55 giochi iscritti, che hanno stabilito il nuovo record di partecipazione, battendo quello di 50 che resisteva dal 2000, ce n’è anche uno mio, che chi segue questo blog dovrebbe conoscere bene.

Si tratta infatti della versione in inglese di Darkiss 1, che rispetto a quella originale in italiano propone diverse novità, a cominciare dall’introduzione della storia, profondamente cambiata (spero in meglio). L’avventura è disponibile sul sito dell’IF Comp nella canonica versione multipiattaforma in Z-Code e può anche essere giocata direttamente on line.

Il lavoro di traduzione e riscrittura è stato reso possibile, nelle scorse settimane, grazie all’aiuto preziosissimo degli amici Emilio Audissino, Marco Innocenti e Jacob Gunness, che ringrazio di tutto cuore per non essersi risparmiati nel correggere (e talvolta riscrivere) i testi del gioco e fornire consigli utili alla causa del vampiro Martin Voigt. Marco Innocenti, designer professionista e appassionato di ipernarrativa che nel 2012 ha vinto l’IF Comp con Andromeda Apocalypse, ha anche disegnato la splendida cover del gioco, che impreziosice pure questo post.

L’avventura ora dovrebbe essere più facile e scorrevole e – per far contenti i giudici – c’è pure il walkthrough. Grazie a tutti quelli che giocheranno e voteranno o comunque mi scriveranno per comunicarmi le loro impressioni.

E ora… let’s play!